fbpx

ELAV Scientia – Leggi articolo

Combinazione Tra Sprint In Salita E In Discesa

Notizia Testuale Free Sport

Le capacità degli atleti di correre in modo esplosivo svolge un ruolo decisivo in molti sport. Pertanto, la ricerca per la progettazione di programmi di allenamento di sprint efficaci è sempre rilevante. Gli esseri umani sono in grado di raggiungere velocità sovra massimali (5,6 - 8,4% in più rispetto alla loro capacità massima di sprint) durante lo sprint su pendii in discesa, mentre correre su pendii in salita riduce la velocità massima del 2,9 - 5,6%. L'allenamento che utilizza queste metodologie per un periodo di sei settimane può comportare miglioramenti della velocità massima di corsa (MRS) dell'1,1% e della frequenza dei passi del 2,3%. Tuttavia, quando gli stimoli in salita e in discesa sono stati combinati in un'unica corsa, gli effetti benefici sono stati maggiori; infatti, diversi studi hanno suggerito che il metodo di allenamento combinato in salita e in discesa (U+D) sia più efficace per migliorare la MRS e le caratteristiche cinematiche e cinetiche associate della corsa di sprint rispetto ad un volume equivalente di allenamento in orizzontale o in discesa. Nello studio di Bissas et al. (J Strength Cond Res. 2022 Jan 1;36(1):90-98) gli autori hanno esaminato lo sviluppo degli adattamenti delle prestazioni risultanti da un programma di allenamento in salita-discesa e monitorato il declino degli stessi durante una fase di detraining. Ventotto studenti di educazione fisica e scienze dello sport hanno partecipato a questo studio (età: 23,9 ± 3,3 anni; altezza: 1,76 ± 0,07 m; massa: 74,96 ± 11,20 kg). Tutti i soggetti erano allenati in diversi sport, ma nessuno era velocista; la loro massima velocità di corsa media era di 8,77 ± 0,68 ms-1. I soggetti si sono allenati per sei settimane, tre volte alla settimana. Si sono formati tre gruppi di allenamento e un gruppo di controllo in ordine casuale: il gruppo chiamato progressivo in salita e in discesa (testato anche dopo due e quattro settimane di allenamento, P_U+D, n = 7), il gruppo training-detraining in salita e in discesa (testati anche dopo tre settimane di detraining, TD_U+D, n = 7), il gruppo che si è allenato solo su di una superficie orizzontale (H, n = 7) e il gruppo di controllo (C, n = 7). Per l'allenamento è stata utilizzata una piattaforma in legno in salita-discesa, lunga 80 m e larga 1,20 m, ricoperta da una superficie di pista sintetica. La piattaforma era composta da cinque sezioni, disposte nel seguente ordine: (1) una sezione orizzontale di 10 m; (2) un tratto in salita di 20 m con pendenza di 3°; (3) una sezione orizzontale di 10 m; (4) un tratto in discesa di 20 m con pendenza di 3°; e (5) una sezione orizzontale di 20 m. I tre gruppi sono stati allenati nel seguente modo: U+D è stato allenato sulla piattaforma in salita-discesa; H è stato allenato utilizzando un pista orizzontale (piana) e C non ha svolto alcuna allenamento. I gruppi che si sono allenati hanno eseguito 6 × 80 m di sprint alla massima intensità (velocità) per sessione, in cui il tempo di recupero tra le prove (4-6 minuti) era sufficiente affinché i soggetti recuperassero completamente. Questo programma di allenamento è continuato fino alla quarta settimana, dopodiché è stata aggiunta una serie per entrambi i gruppi per ciascuna delle settimane rimanenti. Per valutare gli effetti dell'allenamento sulle caratteristiche cinematiche, è stato utilizzato un test di corsa con sprint massimale su superficie orizzontale di 35 m per misurare la MRS, frequenza del passo (SR), lunghezza del passo (SL), tempo di contatto (CT) e tempo di volo (FT). Sono state misurate le forze isometriche bilaterali massime (MBIF) dei muscoli estensori e flessori del ginocchio durante un prova di massima contrazione volontaria. Il gruppo U+D ha aumentato la propria MRS del 3,7% (da 8,75 ± 0,72 a 9,07 ± 0,64 m·s-1, p < 0,05), la frequenza del passo del 3,1% (da 4,21 ± 0,21 a 4,34 ± 0,18 Hz, p < 0,05) e la forza isometrica massima degli estensori del ginocchio del 21% (da 2.242 ± 489 a 2.712 ± 498 N, p < 0,05) dopo il periodo di allenamento. L'andamento temporale delle modifiche ha mostrato cali per le settimane 1-4 (1,4-5,1%), ma una tendenza al miglioramento ha compensato tutte le perdite entro la fine della sesta settimana (p <0,05). Durante il periodo di detraining non si sono verificate diminuzioni. Non sono state osservate variazioni per i gruppi H e C. Il periodo minimo per produrre effetti positivi è stato di sei settimane, con uno standard di prestazioni molto buono mantenuto tre settimane dopo l'allenamento. L'allenamento U+D si è rivelato potenzialmente utile per tutti gli atleti che richiedono adattamenti rapidi e può adattarsi ai mesocicli di allenamento a causa delle sue ridotte esigenze di tempo.

20 Luglio 2021

Post esempio

In libero sapien, dapibus in nibh id, dignissim tincidunt urna. Phasellus at sem ac magna pulvinar pharetra vel id augue. Donec euismod elementum ultrices.
2 Agosto 2021

Post esempio

In libero sapien, dapibus in nibh id, dignissim tincidunt urna. Phasellus at sem ac magna pulvinar pharetra vel id augue. Donec euismod elementum ultrices.

Pacchetto Commerciale Fisso

  • W.A.

  • News

  • Art

  • Smart

  • Congressi

My ELAV