fbpx

ELAV Scientia – Leggi articolo

Allenamento Aerobico E Ipertensione

Notizia Testuale Free Medical

L'ipertensione è una malattia cronica multifattoriale che colpisce più di un miliardo di adulti in tutto il mondo. È considerata un importante fattore di rischio cardiovascolare, poiché è fortemente associata all'insorgenza di numerose altre malattie cardiovascolari e alla mortalità. Oltre ai farmaci, i cambiamenti nello stile di vita sono essenziali nel trattamento dell'ipertensione e comprendono, tra gli altri aspetti, la pratica regolare di esercizi fisici. A questo proposito, l'allenamento aerobico di intensità moderata è la modalità primaria raccomandata nella gestione dell'ipertensione, integrata da un allenamento dinamico con sovraccarichi. Precedenti studi hanno mostrato riduzioni medie significative da 6,0 a 12,3 mmHg della pressione sistolica (SBP) e da 3,4 a 6,1 mmHg della pressione diastolica (DBP) in risposta all'allenamento aerobico in soggetti ipertesi. Tuttavia, fossero utilizzati diversi protocolli, gli studi non hanno analizzato l'influenza della progressione delle variabili di allenamento sulla pressione arteriosa (PA). La progressione dell'allenamento può essere definita come un aumento graduale e sistematico dello stress dell'allenamento per mantenere il sovraccarico e, quindi, promuovere continui adattamenti dell'allenamento. La manipolazione delle variabili dell'allenamento può essere una strategia importante per la continuità dei benefici per la salute. Tuttavia, poco si sa sugli effetti della progressione delle variabili dell'allenamento aerobico (frequenza, intensità e/o durata) nel contesto sanitario, soprattutto negli adattamenti della PA negli adulti ipertesi. Nell'ipertensione e nell'esercizio fisico, le linee guida principali raccomandano la pratica di esercizi aerobici ad intensità moderata per 30-60 minuti al giorno o 150 minuti a settimana, con una frequenza da quattro a sette volte. In generale, si consiglia di aumentare gradualmente il carico, in particolare l'intensità dell'allenamento. Tuttavia, questa raccomandazione è superficiale, senza specifiche che indichino come e quando progredire in frequenza, intensità e/o volume. In termini di progressione di intensità, ad esempio, non è chiaro se basti aumentare il carico assoluto per mantenere la stessa intensità relativa o se sia necessario progredire, cioè aumentare anche l'intensità relativa. Nello studio di de Barcelos et al. (Front Sports Act Living. 2022 Feb 17; 4:719063. doi: 10.3389/fspor.2022.719063) gli autori hanno voluto analizzare, attraverso una revisione sistematica con meta-analisi, gli effetti dell'allenamento aerobico con e senza progressione sulla pressione arteriosa sistolica (SBP) e sulla pressione arteriosa diastolica (DBP) negli adulti ipertesi. Dall'iniziale identificazione (13028 studi), 24 studi sono stati inclusi nell'analisi finale, di cui 12 studi sono stati classificati come allenamento aerobico progressivo e 12 come allenamento aerobico non progressivo. L'età media dei partecipanti variava tra 38,1 e 73,5 anni e il BMI mostrava valori compresi tra 23,3 e 34,4 kg/m. Nel caso dell'allenamento aerobico, l'indoor cycling è stata la modalità più segnalata (35,7%), seguita da corsa/camminata sul tapis roulant (25%) e subito dopo nuoto (7,14%), esercizi acquatici (7,14%) e danza (3,6 %). Per quanto riguarda le modalità applicate all'allenamento, dei 28 gruppi di allenamento aerobico, solo cinque (17,9%) hanno utilizzato l'interval training, mentre gli altri 23 (82,1%) hanno utilizzato l'allenamento continuo. La durata totale degli interventi variava da 6 a 37 settimane e le sessioni duravano da 20 a 60 minuti, eseguite da 3 a 4 volte a settimana. I risultati generali del presente studio (allenamento aerobico vs. gruppo di controllo) sono in linea con i risultati di altre meta-analisi, che hanno mostrato una riduzione media da 8 a 12 mmHg nella SBP e da 5 a 6 mmHg nella DBP negli adulti ipertesi. Pertanto, i risultati rafforzano l'importanza dell'allenamento aerobico come strategia primaria per il trattamento dell'ipertensione, poiché la riduzione della PA risultante da questa pratica è simile a quella ottenuta con il trattamento con farmaci antiipertensivi. Questi risultati sono clinicamente rilevanti poiché una diminuzione di 10 mmHg della PAS è associata ad una riduzione del 20% del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, del 27% di insorgenza di ictus e del 13% del rischio di mortalità. C'è stata una riduzione della SBP dopo l'allenamento aerobico con progressione (-10,67 mmHg; IC 95% -15,421, -5,926; p <0,001) e senza progressione (-10,17 mmHg; IC 95% -12,213, -8,120; p <0,001). Anche la DBP è diminuita dopo l'allenamento aerobico con progressione (-5,49 mmHg; IC 95% -8,663, -2,310; p <0,001) e senza progressione (-6,51 mmHg; IC 95% -9,147, -3,868; p <0,001). La letteratura indica l'intensità dell'esercizio come fattore determinante per i cambiamenti pressori in risposta ai programmi di allenamento, indicando una relazione dose-risposta, in modo che intensità di allenamento più elevate promuovano maggiori riduzioni di PA. Per quanto riguarda la durata della sessione, non sembra esserci alcuna relazione dose-risposta, poiché durate più lunghe non indicano necessariamente maggiori riduzioni della PA, con effetti benefici che si verificano anche con periodi di esercizio più brevi. Per quanto riguarda l'analisi dei sottogruppi per sesso, gli effetti degli interventi sono stati positivi sia per gli uomini che per le donne. Per quanto riguarda i metodi di allenamento, il metodo continuo e quello a intervallo hanno promosso riduzioni simili (nessuna differenza statistica tra i gruppi) in SBP (rispettivamente -10,62; -10,32 mmHg) e DBP (rispettivamente -6,10; -4,62 mmHg), dimostrando che entrambi sono efficaci. Per quanto riguarda la modalità di allenamento, la SBP e DBP si riducono in modo simile indipendentemente dal fatto che l'esercizio aerobico venga eseguito con camminata/corsa (-11,20 mmHg), su cicloergometro (-10,89 mmHg) o combinando le modalità di allenamento (- 11,12 mmHg) (nessuna differenza statistica tra i gruppi). Secondo i risultati delle analisi di meta-regressione, solo l'età ha mostrato un'associazione con la riduzione della SBP, indicando che gli individui più anziani hanno mostrato una maggiore entità delle riduzioni della SBP dopo l'allenamento aerobico. Quindi, L'allenamento aerobico promuove una riduzione dei livelli di SBP e DBP negli adulti con ipertensione, indipendentemente dal fatto che vi sia una progressione delle variabili dell'allenamento. Tuttavia, quando si manipolano le variabili di allenamento, sembra verificarsi una risposta di maggiore entità con la progressione in durata, per SBP, e in intensità, per DBP. Tuttavia, pur non essendoci differenze in cronico, è necessario considerare la progressione delle variabili di allenamento, al fine di potenziare gli effetti causati dall'allenamento aerobico sulla risposta pressoria.

20 Luglio 2021

Post esempio

In libero sapien, dapibus in nibh id, dignissim tincidunt urna. Phasellus at sem ac magna pulvinar pharetra vel id augue. Donec euismod elementum ultrices.
2 Agosto 2021

Post esempio

In libero sapien, dapibus in nibh id, dignissim tincidunt urna. Phasellus at sem ac magna pulvinar pharetra vel id augue. Donec euismod elementum ultrices.

Pacchetto Commerciale Fisso

  • W.A.

  • News

  • Art

  • Smart

  • Congressi

My ELAV