fbpx

ELAV Scientia – Leggi articolo

Microbiota Intestinale E Invecchiamento

Notizia Testuale Free Medical Fitness

L'invecchiamento è caratterizzato dal declino delle funzioni cellulari, dei tessuti e degli organi e dall'aumento della suscettibilità alle malattie croniche e debilitanti. Particolarmente vulnerabili sono i tessuti del sistema nervoso centrale (SNC) e dell'occhio, che hanno un'elevata sensibilità alla disregolazione metabolica, e la barriera epiteliale gastrointestinale (GI), che deve mantenere un rapido ricambio cellulare ed un'integrità strutturale, mentre deve affrontare una costante esposizione agli insulti ambientali. Cambiamenti dannosi nella diversità, composizione o funzione del microbiota intestinale possono influenzare negativamente il metabolismo e l'immunità dell'ospite e possono dare inizio o contribuire al declino funzionale del SNC e della normale funzione della barriera epiteliale intestinale, che a sua volta guida l'infiammazione cronica sistemica che ha effetti dannosi su vari tessuti del corpo. Nel tratto gastrointestinale invecchiato, il ricambio, l'integrità e la funzione delle cellule epiteliali e mucose compromesse possono portare ad un aumento della permeabilità della barriera epiteliale, con una maggiore possibilità che gli antigeni microbici e alimentari contenuti nel lume possano accedere nella circolazione sistemica. Questo, insieme al declino della funzione delle cellule immunitarie e all'immunosenescenza, promuove uno stato di elevata infiammazione sistemica, chiamato "inflamm-aging", contribuendo ulteriormente al declino funzionale dell'intestino e del SNC in età avanzata. Nello studio di Parker et al. (Microbiome. 2022 Apr 29;10(1):68. doi: 10.1186/s40168-022-01243-w) gli autori ha valutato l'ipotesi che la manipolazione del microbiota intestinale influenzi lo sviluppo delle principali comorbidità associate all'invecchiamento e, in particolare, all'infiammazione a carico del cervello e della retina. Utilizzando il trapianto di microbiota fecale, gli autori hanno scambiato il microbiota intestinale di topi giovani (3 mesi), vecchi (18 mesi) e anziani (24 mesi). Quando i microbi fetali sono stati trasferiti dai topi giovani ai vecchi, l'infiammazione ha mostrato segni di inversione. Quando il trapianto è stato fatto al contrario, nei topi più giovani hanno cominciato a comparire segni di invecchiamento e infiammazione intestinale. Questi segni includevano una perdita di integrità del rivestimento epiteliale intestinale (come scritto precedentemente i batteri, quindi, potevano quindi passare nel sangue), livelli elevati di proteine associati alla degenerazione della retina ed eccessiva attivazione delle cellule immunitarie legate all' inflamm-aging. Questi risultati dimostrano che l'invecchiamento del microbiota intestinale determina cambiamenti dannosi negli assi intestino-cervello e intestino-retina, suggerendo che la modulazione microbica può essere di beneficio terapeutico nel prevenire il declino dei tessuti, correlato all'infiammazione in età avanzata.

20 Luglio 2021

Post esempio

In libero sapien, dapibus in nibh id, dignissim tincidunt urna. Phasellus at sem ac magna pulvinar pharetra vel id augue. Donec euismod elementum ultrices.
2 Agosto 2021

Post esempio

In libero sapien, dapibus in nibh id, dignissim tincidunt urna. Phasellus at sem ac magna pulvinar pharetra vel id augue. Donec euismod elementum ultrices.

Pacchetto Commerciale Fisso

  • W.A.

  • News

  • Art

  • Smart

  • Congressi

My ELAV