fbpx

ELAV Scientia – Leggi articolo

Allenamento Di Sprint E Prestazioni Su Lunghe Distanze

Notizia Testuale Free Sport

Le prestazioni di corsa su lunga distanza sono state associate a quelle di sprint in corridori di distanza altamente allenati. Pertanto, si potrebbe ipotizzare che l'allenamento per lo sprint potrebbe migliorare la corsa sulla distanza in parallelo alla prestazione sullo sprint in questi atleti. Nello studio di Ando et al. (Int J Sports Physiol Perform. 2024 May 16;19(7):645-650. doi: 10.1123/ijspp.2023-0342), gli autori hanno voluto verificare se un allenamento per lo sprint avrebbe migliorato la corsa sulla distanza e le prestazioni di sprint in corridori di lunga distanza. Diciannove corridori allenati sono stati divisi in un gruppo di controllo (n = 8) e uno di allenamento (n = 11). I partecipanti al gruppo di allenamento hanno eseguito 12 sessioni di allenamento di sprint di sei settimane, mentre quelli del gruppo di controllo hanno eseguito 12 sessioni di allenamento di corsa. Prima e dopo gli interventi, sono stati valutati su un tapis roulant il massimo consumo di ossigeno (VO2max), costo dell'O2 (economia di corsa dell'atleta) durante una corsa submassimale (290 m/min, circa 17 km/h, e 310 m/min, circa 18 km/h, di velocità di corsa) e tempo fino all'esaurimento durante una prova di corsa (a partire da 290 m/min e incrementando di 10 m/min, circa 0,5 km/h, ogni minuto). Inoltre, sono stati determinati, su una pista di atletica, i tempi di sprint sui 100 e 400 metri e il tempo di corsa sui 3000 metri. I risultati hanno evidenziato che nel gruppo di controllo, nessuna misurazione è cambiata significativamente dopo l'intervento. Nel gruppo di allenamento, il tempo ad esaurimento, i tempi di sprint nei 100 e 400 metri e il tempo di corsa sui 3000 metri sono migliorati in modo significativo, mentre il VO2max e il costo del O2 non sono cambiati. In conclusione, questi risultati hanno mostrato che un allenamento di sprint di sei settimane ha migliorato sia le prestazioni di sprint che quelle di corsa su lunga distanza in corridori di lunga distanza altamente allenati, senza un cambiamento nella capacità aerobica. Il miglioramento nel tempo ad esaurimento senza una variazione del VO2max suggerisce che il miglioramento delle prestazioni su lunghe distanze potrebbe essere attribuito al miglioramento della capacità anaerobica.

Pacchetto Commerciale Fisso

  • W.A.

  • News

  • Art

  • Smart

  • Congressi

My ELAV